Sei un Dentista?

Scopri come essere visibile su questa e su altre directory

Cerca il Dentista
Dr. Dario Cianci

Dr. Dario Cianci

Via Francesco Reina, 5 - MILANO (Milano)

Tel: 02 745465 Cel: 393 9035251

Consento il trattamento dati Legge n. 196/03.*

Dr. Walter Renda

Dr. Walter Renda

Via Bellinzona, 292 - 22100 COMO (Como)

Tel: Numero Verde 800 64 23 17 

Per sostituire i denti mancanti si utilizzano a volte protesi parziali o ponti fissi. Il ponte si preferisce nei casi di edentulismo lieve, dal momento che deve poggiare su denti esistenti. In alternativa alle protesi e ai ponti possono essere inseriti degli impianti, che vengono innestati nelle ossa attraverso viti di titanio. In quest'ultimo caso, la procedura e' poco invasiva e la resa estetica (oltre ovviamente alla funzionalità) e' ottima.

Consento il trattamento dati Legge n. 196/03.*

Dr. Alberto Ciatti

Dr. Alberto Ciatti

Piazza Ezio Morelli, 7 - LEGNANO (Milano)

Tel: 393 5042409 

Consento il trattamento dati Legge n. 196/03.*

Impianti dentali

Un adulto può perdere uno o più elementi dentali per diversi motivi, ma le cause più frequenti sono certamente tre:

  • carie mal curata,
  • infiammazione parodontale profonda e trascurata,
  • trauma.

Qualunque sia la motivazione che porta alla perdita del dente, il soggetto si trova a dover affrontare diversi problemi. Innanzitutto una dentatura incompleta può creare gravi difficoltà masticatorie e, di conseguenza, anche digestive. Inoltre, possono verificarsi anche degli imbarazzanti limiti di articolazione corretta del linguaggio. Infine, soprattutto quando a mancare sono degli elementi anteriori, diventa preponderante il disagio estetico, tanto che molti pazienti scelgono, più o meno consciamente, di limitare il più possibile la propria vita sociale fino a quando non viene risolto il problema.

La caduta dei denti è sempre stata una problematica molto sentita dagli esseri umani, ed esistono numerosi reperti archeologici a testimoniarlo. Per secoli gli uomini hanno cercato di porre rimedio all’edentulia con i mezzi più disparati: dalle schegge di conchiglia al metallo. Nell’epoca moderna per molti anni l’unica soluzione accettabile è stata l’utilizzo di dentiere o ponti mobili. Ma erano soluzioni spesso poco soddisfacenti, sia dal punto di vista estetico sia meccanico. Le protesi apparivano facilmente distinguibili dai denti veri, e il continuo sfregamento con le gengive provocava dolore e infiammazioni.

E mentre milioni di persone nel mondo si accontentavano di questa soluzione, gli studi d’implantologia fissa facevano straordinari passi avanti. Passi avanti stimolati dalle richieste di una società sempre più attenta e ossessionata dall’”apparire”. Passi avanti garantiti da una tecnologia e uno studio dei materiali sempre più all’avanguardia.

In un impianto dentale moderno si distinguono sostanzialmente tre parti:

  • la vite,
  • il pilastro,
  • la corona.

La vite va a sostituire la radice del dente naturale e viene inserita all’interno dell’osso, ed è per questo motivo che la definizione corretta dell’impianto è quella di endoprotesi ossea. Il materiale d’elezione utilizzato è il titanio. Questo, biocompatibile e resistente, scongiura il rischio di rigetto, ed assicura una perfetta osteointegrazione. Inoltre, la superficie esterna della vite ha una consistenza porosa, in modo da stimolare i tessuti ossei ad unirsi ad essa. Ciò rende la protesi molto stabile e duratura nel tempo. Capace di sopportare tutti gli stimoli e le forze meccaniche presenti nel cavo orale. Il pilastro rappresenta l’elemento di connessione tra la vite e la struttura protesica esterna. Può essere in titanio, ma anche in oro o ceramica. Una volta sistemate le prime due, si può provvedere al posizionamento della terza parte. Questa può essere rappresentata da una singola corona, un ponte, oppure una protesi totale, a seconda delle necessità del paziente. Inoltre, il posizionamento si può ottenere tramite avvitamento o cementazione, a seconda del diverso modello scelto. La sezione protesica esterna ha il compito di sostituire e simulare aspetto e caratteristiche meccaniche della parte orale del dente perduto. Per questo motivo deve essere modellata con particolare attenzione, cercando di riprodurre aspetto e colore dei denti naturali adiacenti. I materiali ritenuti più adatti per ottenere i risultati migliori sono lo zirconio e la ceramica integrata. Il primo ha una durezza paragonabile a quella del diamante, e ciò lo rende estremamente resiste all’usura del tempo. La seconda garantisce un risultato estetico impeccabile.

Nell’implantologia, fondamentalmente, si distinguono due tecniche o scuole di pensiero:

  • l’implantologia a carico immediato;
  • l’implantologia a carico differito.

Si tratta d’implantologia a carico immediato quando durante il medesimo intervento viene inserito tutto l’impianto, inclusa la corona. Al contrario, si tratta d’implantologia a carico differito quando in un primo tempo si fissa la vite e poi, durante una seconda seduta tenuta a distanza di alcuni mesi, si completa tutto l’impianto. Entrambe le tecniche danno risultati validi ma, in generale, il carico immediato ha il vantaggio di essere più economico e molto meno impegnativo per il paziente. Questi, infatti, deve affrontare solo una preparazione operatoria, un intervento ed un postoperatorio e, inoltre, può recuperare il proprio sorriso sano e smagliante in tempi più ridotti. Sarà comunque compito dello specialista, in base al quadro clinico del paziente ed alla propria esperienza, scegliere quale tecnica preferire.

Attualmente la percentuale di esito positivo degli interventi d’implantologia dentale raggiunge quasi il 100%. E inoltre gli impianti, se ben tenuti ed accompagnati da un’igiene di tutto il cavo orale adeguata, durano moltissimo tempo. La vita media si aggira intorno ai 15-20 anni.

Un impianto deve essere curato e protetto come un dente naturale. La placca, infatti, può accumularsi attorno agli impianti e, se non adeguatamente rimossa, portare a retrazione del tessuto osseo, con grave infiammazione fino a perdita dell’impianto. Per questo motivo ogni dentista non deve mai dimenticare di educare il paziente circa la necessità di fare controlli periodici e mantenere una corretta igiene orale.

articolo a cura di Dentisti-Italia.it

Valid XHTML 1.0 Transitional   CSS Valido!

Sei un Dentista? Per la tua pubblicità Clicca Qui

Questo sito fa uso di cookie. Per saperne di più leggi l'informativa

OK